DIO E LA CURA DELL’ANIMA

di Matteo

Prima di iniziare l’articolo vero e proprio vorrei fare una piccola premessa su che cosa rappresenta Dio nella mia vita.

“Dio ci consente di vedere l’invisibile, accettare l’impossibile e sperare nell’incredibile”

Essere umani significa anche sperimentare l’incertezza, il dolore e la morte. Dio, tuttavia, è un punto di riferimento per dare un senso al caos, un ospedale per guardare ferite invisibili, un’ancora di salvezza che ci offre seconde possibilità. Dio non è semplicemente una risposta alle difficoltà, ma tanto altro, per esempio per me è anche l’unione di persone sole, è una guida, da forma alla ricerca di un sentiero “sicuro” quando ci sentiamo smarriti, Dio offre uno spazio nel quale le risposte e il significato della vita possono essere cercati e trovati. Detto questo, e in base al mio trascorso di vita fatto fino ad oggi, voglio riflettere con voi su come Dio insieme ad un corretto percorso terapeutico può aiutare le persone a curare l’anima.

Nella vita purtroppo non nasciamo già capaci di soffrire o meglio non nasciamo già capaci di soffrire in modo adeguato. Fondamentale non siamo creati per la sofferenza e spesso soffriamo per cose di cui non abbiamo colpa.

Ma la sofferenza è un viaggio, non la destinazione finale. È saper soffrire è l’inizio del viaggio verso la guarigione. Fa male doversi rapportare con la sofferenza, ma nella mia esperienza posso dire che fa ancora più male provare ad ignorarla.

Un primo passo che ho fatto è stato quello di imparare a chiedere. Possiamo avere molti motivi per cui proviamo dolore o rabbia, ma la guarigione richiede necessariamente che noi ci spogliamo del nostro orgoglio, del nostro desiderio di risolvere tutto noi. Nel momento di estrema sofferenza si tende a perdere il senso di se, ci si sente soli e senza via d’uscita. È stato allora che ho deciso di chiedere aiuto, aiuto alla mia famiglia, a dei professionisti competenti e a Dio, tutto per provare a guardare la vita da un’altra prospettiva. Una volta fatto il primo passo ho deciso di aiutarmi e farmi aiutare, innanzitutto con un lavoro iniziale di consapevolezza che la guarigione dell’anima richiede tempo, sacrifici e soprattutto dialogo. Bisogna permettere ai sentimenti di trovare una valvola di sfogo. Il silenzio logora ogni dolore.

Ovviamente l’orgoglio può spingerci a coprire il nostro dolore, ma condividendo la nostra storia ci farà scoprire che anche altre persone hanno vissuto la stessa cosa. Ho condiviso ciò che provavo con mio FRATELLO, con gli educatori, con il mio clinico di riferimento e… tutte le notti prima di dormire anche con Dio!

Troppe volte sono scappato dalla sofferenza, l’ho evitata o peggio ancora l’ho intorpidita in modi malsani, fino a quando ho deciso di affidarla nelle mani sicure dell’AS.FRA e di Dio. Qui ho trovato la sofferenza più tollerabile, oltre al supporto clinico ho avuto possibilità di scoprire come Dio è presente nel mio dolore, dandomi sempre il suo amore.

Non ho più dubbi sul fatto che quando non stavo bene si stava “nascondendo da me” ma lavorava in sordina per donarmi la Sua guarigione, con i giusti tempi. È proprio vero che, a volte, capiamo soltanto dopo tanto tempo dove ha operato Dio nei momenti in cui pensavamo di essere stati abbandonati. Adesso ho occhi speranzosi verso un futuro migliore, e questa speranza mi spinge a una forte motivazione per affrontare la vita. È la motivazione  che avvicina la cura dell’anima a Dio. L’anima di una persona, come la sua storia, le sue esperienze, possono assumere un senso diverso se lette e avvicinate alla luce di Dio.

Vorrei concludere con un estratto della lettera Enciclica “Fides et Ratio” di Giovanni Paolo II: “La fede e la ragione sono come le due ali con le quali lo spirito umano si innalza verso la contemplazione della verità. È Dio ad aver posto nel cuore dell’uomo e in definitiva di conoscere Lui perché conoscendolo e amandolo possa giungere anche alla piena verità di se stesso.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...